Polietilene (PE)

Il polietilene è un materiale noto per la sua resistenza e flessibilità. Inoltre, il polietilene è riciclabile al 100%. Il politene ha anche la proprietà speciale di essere difficilmente intaccabile chimicamente. I batteri e lo sporco aderiscono difficilmente al polietilene.

Che tipo di materiale è il politene?

Il materiale polietilene è noto anche come polietilene o PE. Questo materiale può definirsi la plastica più utilizzata al mondo grazie alle sue proprietà uniche e al favorevole rapporto qualità-prezzo. Il polietilene è una scelta popolare in molti settori e ha molte applicazioni diverse. Esistono vari sottotipi di polietilene, ciascuno con una propria denominazione. Alcuni di questi sottotipi sono noti con abbreviazioni diverse. Di seguito è riportata una tabella che illustra i diversi tipi di polietilene e le varie denominazioni.

Polietilene è il nome generale di questo materiale. Il polietilene ha una serie di sottotipi che presentano proprietà distintive grazie alla loro densità, linearità o peso molecolare. L’alta densità garantisce la resistenza agli urti e la rigidità dell’HDPE. Questo materiale si allunga con meno facilità e può sopportare gli impatti.

L’LDPE, con la sua bassa densità, è invece più flessibile e morbido. L’LLDPE ha una struttura speciale. I monomeri hanno rami più corti e quindi hanno una struttura lineare nel polimero in cui possono scorrere l’uno sull’altro. L’LLDPE deve la sua flessibilità a questo fatto. È possibile continuare ad allungarlo senza che si rompa.

Le varietà di HMPE hanno molecole con un peso relativamente elevato. Sono molto più duri e l’HMPE è più resistente all’usura grazie a questa densità molecolare. L’HMPE 1000 è più duro rispetto alla variante HMPE 500. La densità molecolare è ancora più elevata.

Tipo Materiale Abbreviazione
Tipo principale Polietilene, Politene PE
Sottotipo Polietilene ad alta densità HDPE, PE rigido
Sottotipo Polietilene a bassa densità LDPE
Sottotipo Polietilene lineare a bassa densità LLDPE
Sottotipo Polietilene ad alto modulo 500 HMPE 500
Sottotipo Polietilene ad alto modulo 1000, Polietilene ad altissimo peso molecolare HMPE 1000, UHMPE

Ordinare polietilene personalizzato

Ordina le tue lastre di polietilene in modo semplice e veloce online. Il tuo ordine viene immediatamente segato o fresato su misura e consegnato il più rapidamente possibile.

I vantaggi del polietilene

Il politene presenta numerosi vantaggi; di seguito abbiamo elencato per te le 10 proprietà più importanti.

  • Facile da lavorare
  • Riciclabile
  • Resistente e flessibile
  • Resistente agli urti e all’usura
  • Elevata resistenza elettrica
  • Conveniente
  • Sporco e batteri non aderiscono
  • Insapore e inodore
  • A prova di umidità
  • Ampio intervallo di temperatura operativa (da -50 a 80 °C)

Per cosa viene spesso utilizzato il polietilene?

Il polietilene è ampiamente utilizzato in condizioni di umidità, ad esempio nei serbatoi e in altre applicazioni esterne. Nell’industria, il materiale è apprezzato per la facilità di pulizia e la lunga durata. Ad esempio, le applicazioni più comuni del polietilene includono:

  • Sistemi di tubazione
  • Giocattoli ed elettrodomestici
  • Imballaggio
  • Pallet
  • Contenitori per rifiuti
  • Casse
  • Taglieri
Polietilene

Polietilene

Proprietà tecniche del polietilene

Il polietilene è un materiale flessibile. Si allunga e cede senza rompersi. Lo si vede bene nei giocattoli, che devono sopportare molte sollecitazioni. Tuttavia, se si rompe la superficie della plastica, c’è il rischio di strappi.

Nel mondo delle applicazioni idriche, il polietilene è particolarmente diffuso. Si pensi ai giubbotti di salvataggio o alle boe. Sporco e batteri fanno fatica ad aderire a questo materiale, che resiste anche a molte sostanze chimiche.

Una caratteristica da considerare è la resistenza ai raggi UV. Il polietilene, soprattutto quello di colore bianco, è sensibile ai raggi UV. Può scolorire e diventare un po’ fragile.

Specifiche tecniche

Colore Nero
Finitura superficiale Liscio
Durabilità Riciclabile
Resistente ai raggi UV
Temperatura di utilizzo da -50° a 80°
Resistente all’umidità
Classe di reazione al fuoco B2
Densità 0,95 gr/cm³
Modulo elastico 800 MPa
Resistenza alla trazione 23 MPa
Max. allungamento elastico 9%
Resistenza all’impatto 20Kj/m²
Durezza 64 Shore D
Dilatazione termica mm/m/10° C

Possibilità di lavorazione del polietilene

Una delle proprietà più importanti del polietilene è quella di essere un termoplastico. Ciò significa che, quando viene riscaldato, il materiale si ammorbidisce. Questo rende il polietilene facile da lavorare.

Il materiale polietilene è quindi adatto a un’ampia varietà di applicazioni. È anche possibile saldarlo: si pensi, ad esempio, ai tubi dell’acqua e del gas. Tuttavia, il polietilene non può essere incollato a causa delle sue proprietà poco adesive.

  • Foratura
  • Segatura (con sega circolare)
  • Piegatura (a caldo)
  • Saldatura
  • Fresatura
  • Tornitura
  • Segatura (con seghetto alternativo)
  • Taglio
  • Scritte
  • Rivestimento
  • Taglio ad acqua
  • Piegatura (a freddo)
  • Lucidatura
  • Laseratura
  • Incollaggio
  • Incisione
  • Giunzione
  • Verniciatura

Come si produce il polietilene?

Il polietilene deriva dal petrolio. I composti di carbonio in esso contenuti formano catene di polimeri. Questi polimeri si organizzano l’uno accanto all’altro, a formare il cosiddetto cristallino. Da questi polimeri si ottengono granuli che vengono poi fusi e trasformati in lastre.

Tossicità e impatto ambientale

Il polietilene è un materiale resistente che deve essere maneggiato con cura. Infatti, a causa della sua lunga durata, è dannoso se finisce in natura. È quindi importante riciclare il materiale alla fine del suo ciclo di vita. L’HDPE può essere riciclato al 100%.